Il portale delle offerte (luce e gas)

Nel Portale Offerte i clienti domestici, le famiglie e  le piccole imprese possono confrontare in modo immediato, gratuito ed anonimo le offerte di elettricità e gas naturale.

Il sito fornisce  un motore di ricerca  semplice ed informazioni chiare sul funzionamento e le evoluzioni attese dei mercati dell’energia elettrica e del gas naturale.

Link al simulatore.

 

Autostrada Pedemontana Lombarda Sistema Free Flow

L’ Autostrada Pedemontana Lombarda è la prima autostrada italiana e una delle prime in Europa che ti consente di viaggiare senza doverti mai fermare al casello, questo grazie al nuovo sistema di esazione Free Flow che non prevede la presenza dei caselli.

Il sistema Free Flow è dotato di apposite strutture di sostegno (dette portali) che coprono l’intera carreggiata sulle quali sono installate apparecchiature tecnologiche che consentono di fotografare e rilevare le targhe di tutti i veicoli in transito.  I dati rilevati dai portali vengono, poi, trasmessi al sistema centrale per la successiva individuazione del proprietario e del costo del pedaggio ed avviene in due modi differenti:

  • con il rilevamento dell’apparato di bordo (tipo Telepass) se presente all’interno del veicolo al semplice passaggio sotto i portali; L’ addebito del pedaggio avverrà conformemente al contratto stipulato con il provider dell’apparato di bordo
  • con il rilevamento del mezzo attraverso il numero di targa. Con tali elementi il sistema quantificherà il pedaggio

 

Il pagamento può essere effettuato, a scelta del cliente, secondo una delle modalità previste entro 15 giorni solari e consecutivi dalla data di ciascun transito.

I vantaggi del nuovo sistema: niente code e rallentamenti al casello; risparmio economico e di tempo; riduzione dell’inquinamento acustico e atmosferico; centri abitati meno congestionati con una autostrada in generale predisposta agli spostamenti medio lunghi.

PNEUMATICO Tecnica e componenti

La struttura portante del pneumatico è la carcassa e ha la funzione di resistere alle sollecitazioni provocate dalla pressione di gonfiamento, dal carico applicato e dalle forze trasmesse tra pneumatico e terreno, siano esse verticali, laterali o longitudinali, contribuendo al confort di marcia e all’uniformità di rotolamento.

La carcassa è formata da più tele sovrapposte e incrociate le une rispetto alle altre (struttura convenzionale, utilizzata in origine con trama diagonale rispetto alla direzione di rotazione), oppure disposte radialmente (pneumatico radiale, struttura montata prettamente su tutte le autovetture). La tipologia può essere:

R = radiale
D = (convenzionale) diagonale, a tele incrociate
B = (bias belted) cinturato

Le tele sono di sola trama e l’ordito (molto rado a volte fatto di gomma) serve solo per reggerla insieme.

Carcassa radiale è la particolare struttura della copertura composta da una o più tele, con le cordicelle disposte in senso radiale, cioè da tallone a tallone. La deformabilità deve essere distribuita in modo opportuno e un pneumatico radiale è molto deformabile in verticale (per la bassa rigidezza dei fianchi) e molto rigido sulla circonferenza grazie alle tele di cintura. Ne deriva un elevato confort di marcia e buone caratteristiche laterali, arrivando a ridurre la resistenza al rotolamento di una carcassa convenzionale di oltre il 20%..

Nei pneumatici convenzionali, la carcassa è formata da un certo numero di tele i cui rinforzi sono posti ad un angolo di 35°/40° rispetto alla direzione di rotazione.

Nel caso dei pneumatici cinturati (una specie di categoria intermedia), un certo numero (pari) di tele viene posto sotto il battistrada con un angolo di circa 15° rispetto alla direzione di rotazione. La cintura da al pneumatico una maggiore rigidezza.

Registro delle Opposizioni

Il 19 gennaio 2019 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.P.R. n. 149/2018 che reca nuove disposizioni in materia di iscrizione e funzionamento ed estende la portata normativa anche alle comunicazioni commerciali effettuate mediante l’impiego della posta cartacea.

Ciascun contraente – persona fisica, persona giuridica, ente o associazione – parte di un contratto con un fornitore di servizi telefonici accessibili al pubblico per la fornitura di servizi, o destinatario di tali servizi anche tramite schede prepagate, la cui numerazione sia comunque inserita negli elenchi, può chiedere al gestore del registro pubblico delle opposizione che la numerazione della quale è intestatario o il corrispondente indirizzo postale, siano iscritti nel registro delle opposizioni.

Ci si oppone in tal modo al trattamento delle medesime numerazioni e degli altri dati personali effettuato mediante l’impegno del telefono o della posta cartacea, per fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, ovvero per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazioni commerciale.

Il D.P.R. appena entrato in vigore si inserisce nel quadro di riforma del registro delle opposizioni, tra le quali rientrerà, una volta approvato, anche il Regolamento attuativo che permetterà l’estensione del servizio a tutti i numeri riservati, cellulari inclusi.

http://www.registrodelleopposizioni.it/

SMART ROAD

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha istituito, con il DM 70 del giugno 2018, un Osservatorio tecnico di supporto per la Smart Road per il veicolo connesso a guida automatica. Il Decreto garantirà il coordinamento istituzionale tra le diverse iniziative in ambito locale presenti e future, la sperimentazione su strada dei veicoli a guida autonoma e la promozione e gli studi sulla sicurezza.

E’ stato anche creato un logo ufficiale che contrassegnerà  le strade con qualifica a Smart Road.

 

 

Elevate: l’automobile che cammina

Elevate porta fino a 6 persone, ovunque.

E’ la concept del marchio coreano Hyundai presentata a  a Las Vegas.

Il mezzo può muoversi a quattro gambe spostandosi in ogni direzione per raggiungere le zone più irraggiungibili e fornire supporto logistico.

Combina un sistema di propulsione elettrico con gli ultimi ritrovati della robotica. Ogni ruota può muoversi indipendentemente, consentendo a questo veicolo di poter affrontare anche terreni particolarmente sconnessi e soccorrere feriti.

Il prototipo può sollevarsi da terra per superare gli ostacoli alti sino a 1,52 metri – mantenendo l’abitacolo sempre parallelo al terreno –  estendere lateralmente le proprie gambe fino a 4,57 metri e trasformarsi, in un mezzo in grado di raggiungere elevate velocità stradali.  Alla piattaforma modulare possono essere abbinate diverse carrozzerie che trasformano il mezzo in un’ambulanza, in un taxi, oppure in un veicolo di soccorso.

Leggi la fonte e l’articolo completo su Quattroruote.